È stato un mese di eventi non stop quello proposto del Family, la sezione del LongLake Festival dedicata al divertimento dei più piccoli e delle famiglie. Dal 23 giugno al 23 luglio, presso il nuovissimo villaggio allestito nella hall del Palazzo dei Congressi, Family ha presentato più di 20 spettacoli serali, animato 3 domeniche con racconti, giochi e curiosità varie, dedicato 3 serate alla danza e proposto un laboratorio didattico ogni giorno. A tutto ciò si aggiungono le proiezioni di 7 film per ragazzi presso il Cinema Iride. Un ricchissimo cartellone che ha animato l’estate delle numerose famiglie che si sono recate al villaggio per prendere parte agli eventi o divertirsi nella rifornita area giochi.

«Gli spettacoli sono stati principalmente proposti da artisti svizzeri italiani ed italiani, con diverse presenze estere come quella dell’olandese Judith Nab. Tre dei film scelti erano appositamente svizzeri e mostravano uno scorcio di casa nostra, mentre ognuna delle serate di danza proponeva un genere diverso. Per quel che riguarda i laboratori, ce n’era davvero per tutti i gusti: dall’arte alla scienza, dal teatro alla musica, dal disegno al canto, dalla filosofia al bricolage, fino alla narrazione di storie. Una ricchezza che ha divertito e impegnato molti bambini sia del Luganese, che quelli venuti dalla vicina Italia, o in vacanza da altre regioni svizzere o estere.

Gli spettacoli, inoltre, hanno trattato temi importanti come il bullismo o la guerra, temi toccanti come le relazioni tra genitori e figli, l’espressione di affetto oppure l’uguaglianza, la diversità e la tolleranza. Dalla forza del racconto sono nate riflessioni sul valore degli oggetti o sull’ecologia e i rifiuti. Senza dimenticare la varietà delle forme di teatro proposte: teatro di narrazione, d’ombra, marionette, teatri senza parola, teatro danza, percorsi sensoriali, teatro fisico o di giocoleria’…

La novità di quest’anno di allestire un villaggio ad hoc nella hall del Palazzo dei Congressi è piaciuta, tanto da auspicare un ampliamento di orari e periodo. Vi erano giochi di ogni tipo, per i più grandicelli sino per i piccolissimi di 0-3 anni. La riuscita di questo villaggio è stata anche dovuta alla splendida collaborazione con l’Architetto Victoria Diaz Saravia.

LongLake-36

Tutto il villaggio è stato frutto di importanti collaborazioni; oltre a quella con Diaz Saravia, la ricca offerta di giochi è stata possibile anche grazie alla generosità dei nostri sponsor. La ditta di giocattoli HAPE in primis, ma anche la ditta CartaPacking SA, che ha messo a disposizione circa 1000 scatole per costruire e non da ultimo la Città del Sole di Lugano, che da molti anni sostiene le nostre manifestazioni, solo per citarne alcuni.

Anche il giardino del Parco Ciani, all’esterno del Palazzo dei Congressi, è stato “innestato” con i giochi più disparati: tende indiane, giochi di jonglage, saltarelli, corde, un jenga gigante, cricket’ e tanto altro ancora. Un tripudio di colori e divertimento, che ha visto bambini e genitori giocare insieme per serate intere. Bello anche vedere come gli adulti giocavano tra di loro, tornando così un po’ bambini in queste splendide serate estive. A rendere tutto ancora più idilliaco, la musica in sottofondo che proveniva dai concerti del Boschetto Ciani.

Gli artisti sono rimasti tutti estremamente soddisfatti dalla macchina organizzativa, dalla bellezza della città e dall’attenzione dei piccoli e grandi spettatori. In molti hanno espresso il loro desiderio di poter tornare presto. Arrivederci e grazie di cuore a tutti!»

Tessa Casagrande
(Coordinatrice Longlake Family Festival)