La sesta edizione del Lugano Buskers Festival è stata un successo e, nella giornata di domenica, ha regalato al pubblico un’ultima entusiasmante giornata prima di congedarsi e dare a tutti l’appuntamento per l’anno prossimo.

In una giornata a tratti piovigginosa – che ha costretto alcuni artisti a spostarsi al coperto –  la musica di El Hombre Orquesta ha dato il via ai tanti appuntamenti in programma. Il gruppo è in realtà formato da una sola persona – il trombettista degli Old Fish Jazzband, negli ultimi 3 anni ospiti al Festival – ed ha affascinato il pubblico con la più classica delle one-man-band performance.

DSC_9842

Nel corso della giornata la musica non è poi mancata, ad esempio grazie a Malagorà, un gruppo fresco di casa nostra che ha proposto un folk-rock molto particolare con una spiccata anima punk.

Da sottolineare anche la presenza dei Terrae, un progetto musicale che raggruppa diversi artisti e le loro esperienze di vita. Si sono poi esibiti anche i Calcutta – duo formato da Edoardo Calcutta e Marco Crypta – che hanno portato a Lugano la loro particolare miscela indie, fra Beat Happening e Lucio Battisti.

DSC_9439

C’è poi stato spazio anche per la danza con Carola Behrend, mentre Peter Mielniczek ha nuovamente divertito i passanti con una serie di fiaschi, rappresentazioni visive ed un grande finale a sorpresa! Altrettanto divertente anche Darren De Lusion che, in compagnia dell’inseparabile operatore cinematografico Barry, hanno portato nel centro cittadino magia e tanto divertimento.

Con il termine del Buskers Festival, il LongLake con continua sino al 2 agosto con l’inizio di Rock’n’More, che proporrà concerti con artisti di livello internazionale, a partire dai Perturbazione nella serata del 21 luglio! Scopri tutto il programma cliccando qui.

lunedi