Lunedì 11 luglio, ore 21:00
Boschetto Ciani

Lo chiamano il blues del deserto; ritmi e melodie africane che si fondono con il più ruvido rock blues americano. Costretti a fuggire dal loro nativo nord del Mali, a seguito dell’invasione jihadista nel 2012, i giovani musicisti di Songhoy Blues si sono rifugiati nella capitale del paese, Bamako.

«Ci è stato detto che se avessimo continuato a suonare ci avrebbero tagliato le mani. Così abbiamo preso le nostre chitarre e siamo scappati » ha raccontato il chitarrista della band. Dopo la fuga, Aliou Touré (voce), Garba Touré (chitarra) e Omar Touré (basso) incontrano il batterista Nathanael Dembélé e decidono di fondare il gruppo.

La popolarità arriva nel settembre 2013 quando vengono scoperti da Damon Albarn, leader dei Blur e dei Gorillaz, che li inserisce subito nel suo progetto “Africa Express” garantendogli di fatto la possibilità di esportare il loro sound fuori dal paese di provenienza e una reputazione internazionale. Dopo un clamoroso successo alla Royal Albert Hall di Londra, dove hanno aperto il concerto dello stesso Albarn davanti a 5 mila persone, è uscito il loro primo album “Music in Exile” (musica in esilio), prodotto tra gli altri dal chitarrista della band indie rock newyorkese Yeah Yeah Yeahs, Nick Zimmer.

Di loro colpisce l’originale interpretazione della tradizione: da uno schema classico (due chitarre, un basso, la batteria, qualche percussione e le voci) emerge un groove molto essenziale ma proprio per questo carico e diretto. Il disco viene recensito da NME con queste parole: “Questo album debutto è un capolavoro del desert blues, che mescola lick di chitarra americani con il groove Maliano”; a NME fa eco il Guardian, che scrive “Contemplativo ed ipnotico, un trionfo”.

I loro canti di gioia, di sfida, di pace e riconciliazione, hanno conquistato rapidamente il pubblico internazionale. Il quartetto africano è stato invitato ai più importanti festival internazionali, dagli Usa all’Europa e sarà ospite d’eccezione anche nel nostro Festival.

TICKETS
CHF 12.-
Prevendita online: www.biglietteria.ch