È stata una piacevole domenica quella che ha vissuto il centro di Lugano grazie ai molti eventi previsti nel cartellone del LongLake Festival. La settimana si è conclusa con proposte di ogni genere, iniziando dalla musica classica per finire con quella elettronica, senza dimenticare arte, letteratura, danza e spettacoli per i più piccoli.

In tarda mattinata il Parco Ciani è stato allietato dalla musica dei flauti dell’Orchestra Zephyrus, che hanno proposto musiche di Vivaldi, Bach, Mozart, Rossini, Verdi e altri ancora. Il pomeriggio è invece iniziato come da tradizione con un laboratorio nell’ambito del Family Festival intitolato “Ai pesci brontola la pancia?”, che presentava come tematiche la biologia, l’anatomia ed infine la pesca e le tecniche di ricamo delle reti dei pescatori preistorici.

DSC_3592

Gli amanti dell’arte hanno invece trovato pane per i loro denti nell’arco di tutta la giornata grazie alla settima edizione di Open Gallery, iniziativa che due volte all’anno dà la possibilità ai visitatori di visitare gratuitamente gallerie, spazi d’arte e musei cittadini. L’evento è inoltre stato impreziosito da diversi vernissage, letture, performance musicali, dalla presenza degli artisti alle mostre e altro ancora.

La proposta culturale di LongLake è poi continuata nel tardo pomeriggio al Parco Ciani, quando la lettura scenica di Daniele Bernardi ha affascinato i presenti grazie ad uno dei testi più significativi di Antonio Porta: La scelta della voce. L’attore e poeta è stato affiancato dall’attrice Martina Parenti e dal musicista Igor Vazzaz, che hanno dato vita a un evento unico.

Unici ed impagabili sono stati anche i tanti sorrisi dei bambini che hanno assistito in Piazza San Rocco allo spettacolo del Teatro Paravento, “La cicala e la formica”, che proponeva una storia basata sul grande classico di Rodari ma in contrapposizione con la versione originale della favola. Gag, magie, scherzi e canti hanno regalato alle famiglie una serata all’insegna dell’allegria.

DSC_3635

Gli amanti della musica sono invece balzati sull’Orient-Express di “Note al tramonto”, che al Parco Ciani ha proposto un viaggio musicale nell’Europa degli anni 1833-1914, ripercorrendo le tappe del tragitto originale del treno.

I più scatenati invece non hanno mancato l’appuntamento con Elettrolake in Piazza Manzoni, dove i Letherette hanno reso giustizia al commento recentemente fatto su di loro dal musicista e producer inglese Bibio, che li ha definiti “una di quelle rare gemme che soddisfa sia in pista da ballo che in quei momenti più introversi da musica in cuffia. Letherette è musica per ragazzi e ragazze. È sexy e fresca, ed è spesso imitata”. La prima edizione di Elettrolake si concluderà lunedì sera con la performance di Camilla Sparksss.

Poco più in là, a Rivetta Tell, Martin Wütrich della New Style Dance ha animato il primo appuntamento del Festival con “La Milonga”, rassegna diventata imperdibile per gli amanti del genere ma anche per semplici curiosi che, catturati dal ritmo, si sono lanciati nella pista da ballo, questo anche durante l’acquazzone che ha contraddistinto il finale di serata. La giornata si è conclusa con un After Party allo Studio Foce con Lorem Kollektiv con dj set by Jaimito and Visuals.

Il Festival prosegue con una nuova settimana lunedì 7 luglio con un ricco programma che vi riportiamo di seguito.

lunedi

Want more? Seguiteci su Facebook, Twitter, Instagram e Youtube!