Cinque giorni di attività in più rispetto al previsto (3 agosto – 3 settembre), per rodare la struttura
e ricevere riscontri dai cittadini sul progetto: dopo le polemiche e i ricorsi, sull’agosto luganese
sembra tornare il sereno.

Si svolgerà all’insegna dello Street food, con una variegata offerta gastronomica diversificata in
base all’orario (colazione, merenda, aperitivo, after-dinner), e caratterizzata dal concetto di
tapas, e da caffetteria, vini, birre e distillati di qualità, il Villaggetto di Piazza Manzoni di
quest’anno: alimenti popolari, provenienti dalle tradizioni nostrane e di altre zone del globo, veloci
da consumare, saporiti, di provenienza eccellente e rivisitati strizzando un occhio all’haute cuisine,
ma alla portata di tutte le tasche.

Nonostante i rallentamenti delle ultime settimane, che li hanno costretti a ridimensionare il progetto
presentato, Ciani Lugano, Mauri Concept, Convivio e Agua – le aziende che si sono aggiudicate il
bando di concorso della Città di Lugano – presenteranno una struttura temporanea volta a far
divenire Piazza Manzoni uno spazio stimolante, un luogo di incontro e aggregazione per tutti i
cittadini, a ogni ora del giorno, tramite proposte gustose e occasioni ludiche.

“E lo faremo già da sabato 29 luglio, in anticipo sui tempi, regalando cinque giorni in più di
iniziative ai cittadini, e raccogliendo riscontri e opinioni per migliorare il tutto in corso d’opera, e
rendere i nostri progetti futuri, da singoli o da gruppo, il più aderenti possibile ai desideri di chi,
come noi, vive e ama Lugano”: così, all’unisono, si esprimono Serge Santese, James Mauri e
Fernando Carvalho, i nomi noti della ristorazione che compongono il gruppo d’iniziativa risultato
vincitore, con il supporto dell’architetto Mino Caggiula e del paesaggista Daniele Del Gratta.

Per questa pre-inaugurazione, prevista intorno alle ore 18 – alla quale comunque seguirà
quella ufficiale del 3 agosto –, il Villaggetto ospiterà anche alcuni musicisti e performer locali
il cui nome sarà rivelato nelle prossime ore sui social media, e chiuderà alle 2 del mattino.

Quel che è certo, è che, durante i giorni di apertura (dal lunedì alla domenica), non mancheranno
iniziative artistiche e ricreative, che si aggiungeranno al calendario dell’evento in corso di
svolgimento, per creare un punto di attrazione per gli abitanti di Lugano, per ticinesi, italiani e
turisti provenienti dal resto della Confederazione. “Il nostro obiettivo – aggiungono Santese,
Mauri e Carvalho –, però, non è solo portare alla città un ritorno prettamente indiretto, generato dai
flussi di visitatori intorno a Piazza Manzoni, tra il lungolago e Piazza Riforma, ma anche un ritorno
misurabile e determinato in partenza: vogliamo trasmettere il nostro amore per Lugano, che
traspariva dal progetto che il Municipio ha premiato, non solo esponendoci, come stiamo facendo,
ma anche destinando il 2% dei nostri ricavi totali, in conclusione dell’iniziativa, alle casse
comunali”.

L’organizzazione del Villaggetto di quest’anno coinvolge, in termini di supporto ideativo e
operativo, anche altre aziende locali, quali Edmondo Franchini SA, iGuzzini e Linkfloyd Sagl.