Buskers Festival Guixot de 8


Animazione

I giochi presentati sono interamente realizzati con materiali di recupero: vengono applicati principi fisici e meccanici su oggetti semplici e di uso comune che li rendono interessanti e nuovi, facendoci riscoprire la magia di un magnete, il riflesso di uno specchio, la parabola di una palla...

Senza batterie, prese, energia diversa da quella del gioco, si metterà alla prova l'abilità del pubblico, con esercizi di tiro, equilibrio, movimento del polso, in una competizione senza vincitori che migliorerà le capacità di tutti. A partire dai 3 e per tutti, l'installazione di Guixot de 8 si proponene come stimolante momento per l'immaginazione di bambini e genitori, che scopriranno quali nuove funzioni dare alle cose, ad un colino ad esempio, che si può trasformare in un campo di pallacanestro, o ad un vecchio letto, che può far nascere un nuovo sport, o a una bicicletta, che può diventare un uccello.

In più di 20 anni di attività Guixot de 8, equipe diretta dal maestro Joan Rovira, ha trasformato 10 tonnellate di rifiuti in circa 300 giochi, pezzi unici presentati fino ad ora in 26 nazioni diverse nei 5 continenti, per un totale di 5000 rappresentazioni. Hanno partecipato nel 2009 e 2010 a Seoul al KOFAC, incontro organizzato dalla fondazione coreana per il progresso della scienza e della creatività. Una TV giapponese ha girato un documentario sulla compagnia.