Worlds Festival “Qui E Ora”. Teatro Senza Frontiere – Associazione Giullari Di Gulliver

Spettacolo trilingue della compagnia internazionale che riunisce attori disabili e professionisti provenienti da S. Pietroburgo, Amburgo e Ticino


Incontri & Letture

Il progetto Teatro Senza Frontiere offre un’occasione d’integrazione che concerne ogni aspetto dell’esistenza di ciascun attore. La compagnia internazionale riunisce attori disabili e professionisti provenienti da S. Pietroburgo, Amburgo e Ticino. La pièce portata in scena, in lingua italiana, russa e tedesca, viene rappresentata in tournée nei diversi paesi.

“Strana circostanza, degna di meditazione, il fatto che ogni creatura umana è composta in modo da esser per tutte le altre un profondo segreto e un profondo mistero”. Da questo brano tratto dal romanzo Racconto di due città di C. Dickens è partito il lavoro di creazione dello spettacolo.

È nell’incontro, che si può tradurre nel “qui e ora” del titolo, che possiamo tentare di far luce su quel profondo mistero. Lo Spettacolo è stato creato nel 2016 ad Amburgo. Ha debuttato all’Ernst Deutsch Theater davanti ad un pubblico di 700 persone. Nel 2017 partecipa al Festival Arlékin di S. Pietroburgo (festival di teatro professionale per ragazzi) vincendo il premio del pubblico.

Un progetto dell’Associazione Giullari di Gulliver (Ticino), Perspecktivyij (S. Pietroburgo - Russia) e BHH Sozialkontor (Amburgo - Germania).

Tre paesi, tre associazioni, tre gruppi di teatro riuniti in un’unica compagnia che conta 30 attori. Persone con handicap interagiscono con professionisti sia in ambito educativo che artistico creando degli spettacoli presentati a nei tre paesi. Dalla nascita del progetto nel 2007 sono state prodotte quattro pièces. La compagnia si incontra ogni anno nelle varie tappe delle tournées. Il progetto Teatro Senza Frontiere offre un’occasione d’integrazione che concerne ogni aspetto dell’esistenza di ciascun attore. I tre gruppi che ne fanno parte provengono da contesti molto diversi, ma li accomuna il desiderio di approfondire un’esperienza di ricerca teatrale.

Regia e drammaturgia: Prisca Mornaghini, Elena Schiffer, Antonello Cecchinato
Creazione collettiva della compagnia composta da 26 attori provenienti da Svizzera, Russia e Germania.