Estival Jazz Michel Camilo & Tomatito


Musica

Due mostri sacri, due artisti impareggiabili per tecnica e espressività: la ventennale collaborazione tra il pianista e compositore dominicano Michel Camilo e il chitarrista spagnolo di flamenco Tomatito è un appassionante scambio di improvvisazione che attraversa il mondo afro-iberico, dall’Andalusia ai Caraibi.

Camilo e Tomatito si sono incontrati in Spagna negli anni Novanta e da allora esplorano le dimensioni ispaniche del loro patrimonio musicale comune. Compositore e pianista straordinario, direttore d’orchestra, docente e visiting professor, produttore, vincitore di Grammy e Emmy Awards, insignito dei più alti onori civili da parte del suo paese nativo, Santo Domingo, Michel Camilo è un uomo di straripante entusiasmo e passione per la musica. La sua arte e il suo virtuosismo hanno creato nuove declinazioni del Jazz, della Classica e della musica popolare.

Nato nel 1954 da una famiglia di musicisti, Michel è cresciuto circondato dalla grande tradizione classica occidentale accanto alla ricca tradizione popolare caraibica. Ha iniziato a suonare a quattro anni e la sua prima passione, prima del pianoforte, è stata la fisarmonica. Ha frequentato il Conservatorio e nel 1979 si è trasferito negli Stati Uniti dove ha studiato al Mannes College e alla Julliard School. Ha suonato con i French Toast, i Manhattan Trasfert, con Paquito DeRivera, ha accompagnato in trio Tania Maria e diretto orchestre di musica classica. Ha collaborato con Dizzy Gillespie, Tito Puente, Mongo Santamaria, Michael Brecker, le sorelle Labeque e molti altri ancora. Pianista che unisce la grande tecnica classica a una verve afrolatina, Camilo è stato più volte acclamato ospite di Estival Jazz a Lugano. Nel 2014 ha trionfato alla quarta edizione di Estival Nights con un concerto in coppia col grande chitarrista flamenco Tomatito e, l'anno successivo, è stato ospite al LAC per un concerto accompagnato dall'OSI.

Grande virtuoso dei ritmi gitani, Tomatito è stato insieme a Paco de Lucia tra i fondatori del Nuevo Flamenco che negli anni Settanta ha ridato nuova linfa a questa affascinante espressione culturale. José Fernández Torres soprannominato “Tomatito” (Almería, 1958) proviene da una famiglia flamenca. Il suo debutto professionale è avvenuto a Malaga con Camaron de la Isla, il grande cantante flamenco con cui Tomatito ha fatto coppia artistica per un ventennio fino alla sua scomparsa.

Da allora si è quasi sempre esibito come solista, nonostante i maggiori cantanti spagnoli di flamenco lo reclamassero per averlo a fianco, da Enrique Morente a José Mercé, Duquende, Aurore, Carmen Linares, per citarne solo alcuni. Compositore di musica per il cinema e per il teatro, nel 1997 Tomatito inizia la sua collaborazione con Michel Camilo al Festival di Jazz di Barcellona, un'accoppiata molto richiesta nei maggiori festival internazionali che ha conquistato un Grammy per il miglior disco Latino nel 2000, seguito da un secondo Grammy per la stessa categoria nel 2005. Un palmares a cui si deve aggiungere il Premio César ricevuto nel 2001 per la colonna sonora del film "Vengo" di Tony Gatlif. Ha collaborato con artisti protagonisti assoluti della chitarra come Paco De Lucia e Carles Trepat o con direttori d'orchestra come Josep Pons.

Michel Camilo, p, Tomatito, g